Blog

Torta alle mele! Moooolte mele!!!

Credo di aver scritto mille volte le stesse cose in questo blog, che sarei stata più costante, più presente e più attiva ma gli eventi mi travolgono. Tra cose belle e cose meno belle il tempo ti sfugge di mano e non ci si rende conto che dal’ultimo post è passato ben un mese. Ok, bando alle ciance. A fine mese c’è stato l’incontro della nostra associazione Glutenfreetravelandliving a Roma. Peccato che ve lo siate perso, un incontro fantastico, interessante e divertente. Vi rifarete alla prossima occasione.

Sto creando il mio primo portfolio. Fa molto fotografo anche se io non lo sono, ma mi piaceva l’idea di mettere in evidenza alcune foto di cui vado fiera. Le sto provando tutte per capire cosa vorrò fare da grande!

Rido!
Quando penso a cosa farò da grande mi torna in mente mio figlio che da grande vorrebbe fare l’aggiustatore (quello che aggiusta tutto), la sorella e ovviamente il pompiere! 🙂

Merendine magiche: 1 impasto 4 merendine

Oggi mi sono svegliata con la voglia di riprendere in mano il mio blog. Mentre tutto tace in casa ne approfitto per dirvi che presto saremo in quattro. Tra qualche mese nascerà il fratellino della piccola peste e non posso essere più felice. Non poteva capitarci cosa più bella. Non pensavo che fare la mamma potesse riempirmi così di gioia, lo so è stancante ma è davvero bello ed emozionante.E pensando al numero 4 mi è tornata in mente la ricetta della pasta biscotto e come avevo fatto ad utilizzarla per farne ben 4 merendine. E se volete approfondire l’ argomento merende gluten free e non solo, andate nel nuovo blog Gluten free travel e living. Un blog scritto da molte mani, a dir poco portentoso, ricco di argomenti: ricette, consigli di viaggio, recensioni e molto altro. Fatevi un giretto e non ne rimarrete delusi.

Tornando alla pasta biscotto sono partita dalla ricetta originale e poi in base alla merendina da preparare ho fatto piccole modifiche. Potete utilizzare lo stesso impasto per  tutte e quattro le merende ma ad esempio la tortina paradiso sarà più gustosa se fatta solo fecola di patate e per quella alla marmellata se si aggiunge un po di burro all’impasto.

Banana bread

Nel week end la piccola viene spupazzata dal suo papino e quindi ho un po’ tempo per dedicarmi ad altro. Così ieri mi sono seduta sul divano, ho preso qualche libro di cucina e ho cercato una ricetta per la colazione. La mia scelta è ricaduta sul banana bread, le mie banane erano al punto giusto per essere cotte, se avessi temporeggiato ancora sarebbero finite nella spazzatura. Ero indecisa tra due ricette, Nigella o Laurel Evans? Ho scelto la Evans, la sua ricetta mi convinceva di più  e sono molto contenta della riuscita. Mi è piaciuto talmente tanto che mi sono detta “perché non fotografarlo?”. Così ho preso la macchina fotografica, cosa che non facevo da molto tempo, ho scelto le tazze, i piatti e le stoffe, ho preparato un piccolo set e l’ho fotografato.  Mi sono divertita e credo che ritagliarsi un po’ di spazio per se stessi sia salutare.

Muffin al cioccolato e farina di sorgo

L’altro giorno scovando nella dispensa ho trovato la farina di sorgo. Avevo acquistato questa ed altre farina in un Whole Food di Miami, una catena di supermercati americana dove si possono trovare un mondo di prodotti senza glutine. Ho mischiato la farina di sorgo con altre due tipi di farina ma il risultato finale non mi ha soddisfatto molto, il sapore era buono ma come consistenza non c’eravamo, il muffin era asciutto e si sbriciolava facilmente. Forse avrei dovuto aggiungere dello xantano per rendere più compatto l’impasto. Ci riproverò, anche perché ho due pacchi di farina da consumare.

PS: la frusta di plastica con le alette per il Kitchen Aid che vedete nella foto in basso a dx, anche quella comprata in Florida, è stato uno degli acquisti migliori che abbia mai fatto. Vi lascio un video per farvi capire perché adoro questa frusta 🙂

Torta streusel con marmellata e frutti di bosco


Chi l’avrebbe mai detto che un colore come il rosa che mi piace relativamente poco sarebbe diventato il mio colore preferito. Con l’arrivo della cucciola il mondo intorno a me si è tinto di questo colore e di tonalità simili. La sua camera è lilla, il suo fasciatoio è rosa e il suo corredino passa del rosa pallido al lilla.

Solo per il trio (che fino all’altro giorno credevo fosse un gruppo di musicisti) ho optato per qualcosa di più neutro.

Certo che l’arrivo di un figlio ti fa proprio perdere la testa! Ovviamente anche la torta non poteva che vestirsi di rosa :)!

un marble cake e come ti preparo il nido!

Non pensavo che preparare il nido alla piccola fosse così difficile. Non ci si rende conto di quanto è vasto il mondo del bambino e di quante cose inutili ti vengono propinate. Cose costose che forse non userai mai. Comunque ad oggi ho quasi concluso l’acquisto delle cose utili, manca il sacco nanna (sarà davvero utile?) e qualche altra cosina, al superficiale penseranno amici e parenti :)!

Il tempo passa in fretta e ne resta davvero poco per tutto il resto, figuriamoci per il blog. Oggi mi sono svegliata decisa a dedicargli 5 minuti del mio tempo.  Ho cercato tra i mille post da pubblicare e ho scelto questa ciambella,  momentaneamente bandita da questa casa a causa diabete gestazionale, davvero fantastica, soffice e profumata e  soprattutto eccezionale con latte e caffè.

Mi sa che appena nasce la cucciola mi dovrò rifare di molte cose :)………………sempre se ne avrò il tempo!!!!!

Plumcake a basso indice glicemico

In gravidanza ho sviluppato il diabete gestazionale. Nei primi mesi ho dovuto controllare le mia glicemie sei volte al giorno ed è così che ho scoperto che molti degli alimenti senza glutine hanno un indice glicemico molto alto.

 L’indice glicemico misura la capacità di un determinato glucide di alzare la glicemia dopo il pasto rispetto a uno standard di riferimento che è il glucosio puro.

 Mi sono resa conto che gli alimenti che consumavo giornalmente come la pasta di mais o di riso e il pane bianco senza glutine mi aumentavano la glicemia in modo spropositato, per non parlare poi dei dolci, della pizza e delle focacce! La cosa mi ha mandato un po’ in panico.

Da celiaca il mais e il riso sono gli alimenti principali della mia dieta, da celiaca e diabetica questi alimenti non andavano affatto bene. Così ho eliminato la pasta di mais e riso sostituendola con quinoa e amaranto. Il pane bianco l’ho sostituito con quello integrale e i dolci confezionati li ho eliminati del tutto sostituendoli con dolci fatti in casa a basso contenuto di zucchero.

Un grande sacrificio? Direi di no.  Se analizzo bene la situazione mi rendo conto che sto facendo una dieta più sana, ricca di frutta e verdura e di cereali ma sopratutto povera di zuccheri. Infatti pur essendo al 7° mese sono ingrassata solo 4 chili. Credo che la mia dieta continuerà anche dopo la gravidanza 🙂

Una nuova vita!

No, non sto cambiando lavoro o uomo, né mi trasferisco in un’altra città, né sto cambiando casa. O meglio, la casa un po’ cambierà visto che dovrò sistemarla per colui o meglio colei che arriverà tra circa 4 mesi . Eh sì, sono incinta!

Aspetto una bellissima bambina dal nome ancora indefinito.

Dopo tanto attendere, dopo tante notizie negative, dopo esami e cure servite a poco, lei è arrivata spontaneamente e inaspettatamente. La notizia più bella della mia vita, una notizia che avrei voluto gridare ai quattro venti ma che per timore ho tenuto per me per un po’.

Il tempo è trascorso senza che me ne accorgessi e tra nausee e problemi vari ho fatto passare un po’ di mesi, durante i quali ho abbandonato le mie passioni: la cucina, la fotografia e il blog. Ringrazio tantissimo le persone che mi hanno scritto preoccupate della mia assenza e prometto che dedicherò più tempo a questo spazio.

Oggi infatti ho intenzione di lasciarvi ben due ricette, una è quella della ormai famosa torta vasetto allo yogurt con aggiunta di frutta fresca e l’altra è la ricetta della marmellata di arance selvatiche.

Qualcosa che mi tiri sù!!!

Questo è un periodo NO! A volte si vengono a sapere cose che non vorresti sapere e che ti mettono di fronte ad una realta che pensavi diversa. Ho 37 anni, mi sento ancora una ragazzina, ma ieri purtroppo ho scoperto di non esserlo più e di avere poco tempo per alcune cose. Situazioni non gravi ma che ti cambiano la vita ! Il tempo passa e anche se lo spirito è quello di una ragazzina il tuo organismo no.  Insomma come dice il Bianconiglio:” Presto che è tardi!!!”.

In una situazione del genere, che ti butta un po’ giù, non ci starebbe male un dolcetto di questo tipo: un bel rotolo tiramisù. Ho preparato questo rotolo prima di Natale, volevo fare un tiramisù diverso e volevo evitare le uova crude nella crema.  Per la base ho usato una pasta biscotto al caffè e per la crema ho preparato la camy cream, credo sia una ricetta dell’Araba felice, fatta con mascarpone e latte condensato.

Ci si rivede a Ottobre!

Le tanto agoniate ferie sono arrivate e domani si parte alla volta dei parchi Americani. Questa volta visiterò il  Colorado, il Wyoming e il South Dakota. Però non potevo partire senza lasciarvi qualcosa da gustare. Questa volta ho pensato ai piccoli celiaci. Ho preparato una merendina famossissima in versione glutenfree, la girella. Chi non ha mai fatto merenda con girella? Io ero golosissima e la mangiavo srotolandola tutta.